Il vero paradiso dello sci di fondo
Nella zona delle Tre Cime/3 Zinnen in Alta Pusteria, nel cuore del Patrimonio Mondiale UNESCO, i fondisti hanno a disposizione tanti percorsi diversi e affascinanti lungo ben 200 chilometri di piste, che fanno di questa valle il numero uno dello sci di fondo in Italia.

Praticare lo sci di fondo immersi nella natura
I fondisti possono riempirsi gli occhi dello straordinario spettacolo naturale del Gruppo del Cristallo e della Croda Rossa lungo la pista panoramica a 2.000 m di Prato Piazza, in Val di Braies. L’altopiano è comodamente raggiungibile a bordo di uno shuttle bus e offre anche a chi non calza gli sci di fondo la possibilità di godere della bellezza mozzafiato di questa natura e di sostare ai rifugi percorrendo un delizioso sentiero al di sopra del limite del bosco.

Un altro tracciato conduce da Sesto all’idilliaca Val Fiscalina, con vista sulla Meridiana di Sesto, la più grande meridiana del mondo, attraversando prati coperti da una coltre di neve. E lungo le piste di fondo della Val di Landro in direzione Cortina, pochi chilometri dopo il Lago di Dobbiaco si spalanca davanti un’immagine fiabesca delle Tre Cime innevate. Chi preferisce invece il silenzio della sera, può chiudere la giornata nel segno dello sport percorrendo gli anelli illuminati del Centro Fondo Nordic Arena di Dobbiaco (da 2,5 a 10 chilometri).

Tutti in pista!

Lo sci di fondo è lo sport ideale per mantenersi in forma durante la stagione fredda. Consente di allenare resistenza, forza e coordinazione… in più, divertendosi! A partire dal 23 dicembre, le piste di fondo vengono battute ogni giorno, sia per lo stile classico che per lo skating, e vi si può accedere direttamente nelle varie località, lungo il percorso da Braies a Sesto. Passando, ad esempio, la zona pedonale di San Candido pare fatta apposta per una sosta aperitivo in pieno relax al cospetto del Monte Baranci.